AGENZIE TRUFFALDINE E QUOTE D'ISCRIZIONE Stampa
OkNotizie

Agenzie di Moda

Il mondo dello spettacolo non ha regole? Come abbiamo già ribadito in passato non esistono delle leggi che regolano questo mercato e che, quindi, tutelano l'Artista: è giusto pagare all'Agenzia una quota d'iscrizione? Quali sono i tratti distintivi di un'Agenzia seria e professionale? E quali quelli di un'Agenzia approfittatrice, spesso definita anche "truffaldina"? Quando ci sono gli estremi per minacciare azioni legali? Tanti, troppi sono i dubbi che attanagliano un Modello o una Modella alle prime armi: per noi, in esclusiva nazionale su "Lavorare Nello Spettacolo", a rispondere Anna Bassano - in qualità di esperta del settore.

Come distinguere le Agenzie di Moda serie da quelle truffaldine?

Quando entrate a far parte della scuderia di Artisti di un’Agenzia, noterete subito la professionalità, già dall’incontro conoscitivo. I bookers, che sono le persone che valuteranno il vostro ingresso in Agenzia, vi parleranno chiaramente dei vostri pregi e difetti, vi indicheranno in quale settore della Moda potrete lavorare, prenderanno le vostre misure e la vostra altezza ed esamineranno il vostro materiale. Infatti è sempre auspicabile presentarsi in agenzia con un buon prodotto fotografico eseguito da professionisti del settore e non dal vostro fotografo della comunione.

Vi chiederanno se avete già avuto esperienze nel settore e se siete dotati di particolari capacità; durante il colloquio potrete anche voi stessi fare tutte le domande possibili al booker per risolvere i vostri dubbi, potete chiedere delle referenze, se hanno dei loro clienti, gli ultimi lavori procurati alle loro Modelle etc. Al termine dell’incontro saprete già se siete stati selezionati e può capitare che, se sono davvero interessati, vi facciano fare un test fotografico gratuito ad opera dei loro fotografi e vi diano già dei Casting. Diversamente, se non siete adatti alla loro Agenzia, saranno molto espliciti nel "rifiutarvi". Un’agenzia seria non vi chiederà mai di pagare una tassa d’iscrizione nè vi imporrà mai di frequentare corsi a pagamento per poter far parte della loro agenzia: hanno tutto il diritto di chiedere del materiale fotografico professionale ed una preparazione adeguata ma siete liberissimi di poter provvedere da soli a ciò che vi serve, senza che questa decisione escluda il vostro ingresso in agenzia. Qualora vi venisse posto un out out, non è l’agenzia adatta a voi!

Alcuni Artisti etichettano come "truffaldine" le Agenzie che richiedono quote d'iscrizione, minacciando a volte azioni legali. E' lecito dunque chiedere il pagamento di quote d'iscrizione? E la colpa di aver accettato questa proposta è anche del Modello/a stesso/a?
Partendo dal presupposto che le Agenzie serie non pretendono nessuna quota d’iscrizione, non è del tutto illegale chiederla, a patto che sono registrate alla Camera di Commercio come Associazione privata con uno statuto  che prevede il pagamento di una quota d’iscrizione. Ai Modelli, quindi, consiglio sempre di leggere bene prima di firmare qualsiasi contratto, informandosi sempre prima di pagare qualcosa!

Anna Bassano -nella precedente puntata- ha risposto alle vostre domande sui Requisiti per sfondare nel mondo della Moda: se non l'hai ancora letta, clicca qui.

Per qualsiasi dubbio scrivete a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

ANNA BASSANO