La speranza è l'ultima a morire - lo stile... no! Stampa
OkNotizie

La speranza è l’ultima a morire – lo stile… no!
Nel periodo in cui mi ero, direi molto provvisoriamente, trasferita a Milano per lavorare con l’agenzia Elite – la conoscete no? - ho partecipato ad innumerevoli casting e, venendo da Roma, l’impatto fu davvero tremendo!
Il casting, che nella capitale durava un’eternità, con ritardi e disguidi vari (non ne riuscivo a fare più di uno al giorno, pensate un po’!?), qui era invece una terribile e precisa macchina sforna-contratti. Una favola direte voi! Macchè, un gigantesco ed inarrestabile tritacarne di corpi di modelle. Taxi , metro, lunghissimi tratti a piedi se non di corsa, tutto cronometrato, ore 11 Diesel , ore 12 D&G e via così fino alla fine della giornata. Dopo il primo giorno pensai: ecco perché siamo tutte magre, avrò fatto 20km solo oggi!
Ma c’era qualcosa, quando mi presentavo, che non andava, ed io, essendo un’attenta osservatrice, dopo le prime 24casting-ore, capii subito di cosa si trattasse:

Lo stile personale!

Se ci pensate bene tutto si svolge in maniera molto semplice durante il casting ma proprio per questo è terribilmente difficile farsi notare dal selezionatore di turno.
Siamo tutte carine - alte magre bei capelli occhi grandi etc. – ed al casting ci chiedono sempre le stesse cose: camminare per un po’, capelli su/capelli giù, i tuoi profili… fino a che imbarazzata e speranzosa guardi il terribile selezionatore sfogliare con sufficienza il tuo caro book fotografico, ma caro veramente - ancora lo stai pagando! – ed è giunto il momento di andare via, ancora una volta con l’amaro in bocca. Fuori dalla porta ragazze più alte, più belle, più aggraziate di te e tu che pensi che non ce la farai mai.
Forse è veramente lo stile personale che fa la differenza. Ecco allora alcune tips per non fissare ammutolite l’armadio quando ci si prepara per il milionesimo casting-tortura e soprattutto per non farsi prendere dal panico ma farsi prendere al casting.
La nostra immagine dev’essere essenzialmente pulita, deve esprimere naturalezza, a partire dal modo di vestire, al trucco - anzi al non trucco (eviterei il Moira Orfei –style!) - ai capelli e ai gioielli (pochissimi) che indosseremo (ma pochissimi veramente, torna indietro e togliti pure quella collana!)
Attenetevi alle indicazioni dell’agenzia qualora il casting richieda un abbigliamento particolare (come avviene di solito in caso di call-back)
Se decidete di indossare un vestito o una gonna, siate sicure che sia corto/a in modo da mostrare le vostre gambe (e la ceretta?) e quanto siete slanciate, ed assicuratevi di indossare delle scarpe con il tacco alto (tutt’al più portatele con voi ed indossatele prima del provino)
Scegliete dei vestiti che mostrino bene la vostra figura senza però rendervi eccessivamente sexy – mai scadere nella volgarità – che non siano esageratamente stretti ma che mettano in risalto i vostri punti di forza (da evitare quindi il look alla jessica rabbit!).
Ispiratevi alle foto dell’articolo e vedrete che sarà molto più facile di quanto vi possa sembrare!
Coraggio ragazze! Sputate la gomma e in bocca al lupo!

Danda xxx

Le foto sono tratte da AltamiraModelsOffDuty e dal mio blog Chiccherie http://yourstylespy.blogspot.com